Come installare e configurare Secure Shell? [SSH]

Il protocollo di rete SSH Secure Shell consente ai suoi utenti di scambiare dati o pacchetti di informazioni attraverso un canale sicuro. Perché con diverse tecniche di crittografia, rendono impossibile ad altre persone visualizzare il contenuto condiviso .

Pertanto, nessuno può ottenere il nome utente o la password di qualcuno che tenta di accedere a un server. Oltre alle informazioni che possono essere condivise tramite questa connessione. Quindi, SSH è la scelta preferita degli sviluppatori.

Consente inoltre una convalida di un dispositivo remoto o persino una convalida dello stesso utente, se necessario. Ora, l’uso quotidiano di SSH risiede nell’accesso a un dispositivo remoto . In quali ordini possono essere fatti o comandi eseguiti. Come trasferire file utilizzando i protocolli ” SFTP ” o ” SCP “.

Come installare e configurare Secure Shell? [SSH] 1

Come installare Secure Shell SSH su vari sistemi operativi?

Questo servizio di protocollo di rete viene solitamente preinstallato sulla maggior parte dei sistemi operativi attualmente in uso. Ma questo vale solo per la tua versione ” Client “. Invece, la tua versione di ” Server ” dovrà essere installata dall’utente che lo desidera.

Nel caso di utenti che utilizzano Debian, Ubuntu, Linux o suoi derivati. Dovranno usare il codice: sudo apt-get install openssh-server . Invece quelli che hanno Centos, Rhel o Fedora, dovrebbero usare il codice: sudo yum install openssh-server .

Le persone che svolgono le loro attività dai dispositivi Arch-Linus dovranno utilizzare il codice: pacman -Syu openssh . E per coprire tutto quanto sopra, possiamo verificare che il server SSH funzioni con il codice: curl localhost: 22 .

Come connettersi al server SSH?

Tramite il client Secure Shell SSH (di cui abbiamo accennato in precedenza che viene preinstallato sui nostri dispositivi. Avremo la possibilità di connetterci al server. Possiamo persino svolgere questa attività in remoto se disponiamo delle versioni necessarie su entrambi i dispositivi.

Quindi, il modo comune o di base per connettersi sarebbe attraverso i parametri: ssh user @host address . Ma nel caso in cui siamo interessati a connetterci localmente, il parametro da utilizzare sarebbe: ssh user @ localhost , indipendentemente dal sistema operativo che stiamo utilizzando.

Ora, ci sono molti strumenti che potremmo usare. Alcuni di questi che il servizio di protocollo di rete ci offre sono effettuati usando scorciatoie o ” mini codici “. Tra questi, il più probabile che dovremmo usare sarebbe:

  • -C ” per poter richiedere una compressione di dati, salvando la maggior parte dei dati possibili nella larghezza di banda.
  • -E ” prima di creare un file di registro in cui ospiteremo un errore standard.
  • -F ” per selezionare un altro file di configurazione nel caso in cui il server sia insolito.
  • -G ” per eseguire un tunneling delle porte.
  • -I ” per specificare l’utente a cui ci colleghiamo.
  • -O ” per richiedere opzioni avanzate del server.
  • -P ” per scegliere una porta diversa dallo standard per connettersi all’host (diverso dalla porta 22)
  • -V ” per richiedere la descrizione dei passaggi necessari per stabilire una connessione.
  • -X ” per utilizzare – X11 Forwarding
  • -Y ” per abilitare l’uso di – Inoltro X11
 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento