Come realizzare animazioni con jQuery?

Prima di immergersi nel mondo delle animazioni utilizzando jQuery , è necessario chiarire alcuni punti di base. A partire dal fatto indispensabile che queste animazioni non sono quelle tipiche che immaginiamo. Non spiegheranno come animare immagini o fotografie in jQuery . In caso contrario, verranno trattate tutte le possibili animazioni (quelle che sono più basilari) e gli effetti che possono essere attribuiti. Prima dei diversi elementi che compongono un’interfaccia utente. Anche se questo non sembra di grande importanza, è essenziale quando si sviluppa una piattaforma web.

Questo perché il modo in cui viene stabilita l’interfaccia di una pagina online, può generare un impatto sull’utente. Essere così positivi o negativi, totalmente dipendenti dall’equilibrio tra informazioni, elementi di interazione e animazioni o effetti di questi.

Come realizzare animazioni con jQuery? 1

Funzionalità a nostra disposizione per le animazioni

È necessario chiarire che esistono diversi tipi di animazioni e ognuna di esse ha diverse quantità di opzioni controllabili. Tra queste caratteristiche che possiamo modificare, includiamo la durata e l’ effetto che si sta cercando . Come la funzione da eseguire alla fine dell’animazione.

Un modello di quest’ultimo sarebbe il fatto che un pulsante scompare, dopo che l’utente ha fatto clic su di esso. Allo stesso modo, questo pulsante invia un messaggio con informazioni all’utente. Inoltre, abbiamo la possibilità di creare una ” mappa di oggetti “.

Questa mappa di oggetti viene creata allo scopo di definire le opzioni avanzate o particolari dell’effetto animato . Tuttavia, questi tipi di metodi vengono generalmente applicati solo quando è necessario fornire proprietà esclusive a un effetto animato che utilizzeremo.

Un esempio di questo codice a cui ci riferiamo sarebbe il seguente:

  • $ (selettore) .effect (durata);
  • $ (selettore) .effect (durata, functionCallBack);
  • $ (selettore) .effect (functionCallBack);
  • $ (selettore) .effect (mapObjects);

Si può vedere che ogni riga di questo codice o sintassi corrisponde a una possibile caratteristica che possiamo applicare alla nostra animazione. Ora, in questa particolare occasione, tratteremo solo le caratteristiche più comuni. Questo perché esiste la possibilità che alcune animazioni abbiano caratteristiche molto particolari.

Mostra e nascondi un oggetto

Si potrebbe dire che l’elemento, l’effetto o l’animazione più utilizzati dagli sviluppatori Web, è senza mostrare e nascondersi. Questo perché è molto utile gestire le modifiche in un’interfaccia. Inoltre, è davvero uno degli effetti più facili da applicare.

Essendo il codice da usare: ” show () e hide () ” come indicano i loro nomi inglesi. Mostra: Mostra e Nascondi: Nascondi. Mantenere la possibilità di applicare uno qualsiasi di questi effetti al nostro DOM (Document Objet Model) o in altre parole: Document Object Model.

Attiva o disattiva gli effetti o gli stati di Mostra e Nascondi

Se come sviluppatore vuoi includere i comandi Show e Hide nel tuo codice, sia per la sua utilità che per la facilità della sua implementazione. Quindi, dovrai anche essere interessato a possedere la capacità di alternare un elemento tra questi due stati o effetti di animazione.

Per questo, useremo il metodo: toggle () la cui vera funzione è verificare lo stato corrente di un elemento. Essere in grado di applicare a questo caso, che se detto elemento è visibile, lo nasconderà ; e se questo è nascosto, mostrerà . Inoltre, questo metodo può includere diverse funzionalità di animazione, come la durata e la possibilità di applicare callBack .

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento