Come realizzare un amplificatore audio domestico per dispositivi mobili

Sebbene sia vero che i dispositivi mobili intelligenti abbiano migliorato significativamente le loro qualità negli ultimi tempi, allo stesso modo dobbiamo dire che in alcuni dei loro aspetti, sono lontani da un’esperienza Premium . Non è una critica troppo importante, ma dobbiamo sapere che, ad esempio, quando pensiamo di ascoltare la musica, nessuno smartphone assomiglia alle prestazioni di un altoparlante.

Proprio per questo motivo, abbiamo commentato che questa volta volevamo insegnare a tutti i nostri lettori una serie di trucchi che riteniamo indispensabili quando vogliono avere un suono migliore a casa o ovunque senza un oratore professionista. In effetti, ti mostreremo come realizzare un amplificatore audio fatto in casa per telefoni cellulari , usando uno schema fatto in casa, qualcosa che puoi fare anche se sei un principiante.

Come realizzare un amplificatore audio domestico per dispositivi mobili 1

Materiali per l’amplificatore domestico

  • Scarica lo schema elettrico:
  • Circuito integrato LA4440
  • 3 condensatori da 100nf
  • 2 condensatori da 47nf a 16 volt
  • 1 resistenza da 680 ohm
  • 1 resistenza di 100 k ohm
  • 1 potenziometro B20K
  • 1 cavo Plus
  • Piccoli fili
  • Un saldatore

Passo dopo passo per l’amplificatore domestico

La prima cosa che devi fare per avere il tuo amplificatore domestico a casa quindi unire le gambe 3 6 8 e 14 dell’integrato con i cavi e il saldatore, inizialmente i primi due a forma di U, quindi il 6 con l’8, lo stesso rispetto al precedente. In questo modo riusciremo a guidare la tensione negativa del dispositivo. Quindi devi collegare un condensatore da 47 nf nella gamba 1 dell’integrato con la parte positiva e lasciare la parte negativa non collegata al momento.

Quindi, l’altro condensatore da 47 nf deve andare sulla gamba 7 della parte integrata che è la parte positiva e unire le due gambe negative dei condensatori . La prossima cosa che dobbiamo fare è collegare la resistenza da 680 ohm, mentre l’altra gamba della resistenza deve essere collegata alla parte negativa dell’integrato. A quel punto devi collegare il condensatore da 100 nf, con la sua gamba 5 integrata nel positivo, e il negativo con la gamba 6.

La parte positiva del secondo condensatore da 100 nf deve andare alla gamba 9, e la parte negativa alla gamba 10 dell’integrato, quindi collegare un cavo alla gamba 11 dell’integrato, che è dove entrerà la tensione positiva che usiamo. Quindi, il terzo condensatore di 100 nf attraverso la sua parte negativa, deve essere posizionato nella parte 12, mentre la parte 13 deve ricevere la parte positiva, per completare tutti gli spazi .

In quel momento collega il cavo per l’ingresso della tensione negativa sulla gamba 14 dell’integrato, tenendo sempre presente che la tensione da cui è alimentato l’amplificatore è di 12 volt, cosa che non dovresti perdere di vista in ogni caso. Il resistore da 100k ohm deve essere collegato alla gamba 2 di quella integrata, e successivamente è necessario collegare il potenziometro, accoppiando un cavo alla gamba della resistenza appena aggiunta e un altro nella gamba 3 di quella integrata che è dove passa l’audio .

Dopo aver eseguito questi passaggi precedenti, quanto segue ha a che fare con il cavo che è stato collegato alla gamba 3 dell’integrato e notare che deve andare sulla gamba sinistra del potenziometro, ricordando che la gamba 3 dell’integrato porta la tensione negativo e l’altro è il negativo. Successivamente devi collegare il cavo positivo, in particolare la parte negativa di esso con la parte negativa del potenziometro , e il cavo positivo alla parte destra del potenziometro, non al centro di esso come penseresti.

L’uscita che è stata lasciata nelle tue mani è quella che ovviamente in questi casi è direttamente collegata all’uscita dell’altoparlante, in modo che uno dei cavi rimanenti sia nella gamba 10 e l’altro nella gamba 12. Ne avrai bisogno Al momento una batteria o trasformatore da 12 volt che deve essere collegato con i cavi di tensione negativa e positiva. Inoltre, si consiglia di utilizzare in questo tipo di casi un dissipatore di calore, che consentirà di fissare tutte le viti, sebbene le gambe integrate non debbano toccarlo .

Metodi fatti in casa ma efficaci

Come vedrai, sono metodi molto fatti in casa ma possono salvarti la vita in occasione dell’ascolto di musica. Ovviamente l’opzione migliore che può esistere è acquisire direttamente un dispositivo in grado di riprodurre musica tramite bluetooth e collegare il nostro smartphone per ascoltare tutto lì.

Anche se a volte quando il denaro non lo accompagna non è così semplice. Dobbiamo anche tenere presente che possiamo trovare piccoli dispositivi che hanno una qualità del suono abbastanza importante e che non sono saturi in volumi elevati per meno di 20 euro, quindi non penso che sia estremamente necessario almeno, quando siamo in Uso domestico questo tipo di soluzioni domestiche. Anche se voglio chiarire che nessuno di loro mette a repentaglio nulla riguardo al tuo dispositivo mobile , chiarendo dubbi, signori.

In ogni caso conosci una soluzione o qualche altro metodo simile ti invitiamo a comunicarcelo nei commenti e potrebbe essere utile a tutti.

Sei stato in grado di realizzare il tuo amplificatore fatto in casa con questo passo dopo passo?

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento