Come usare Commits in GIT?

GIT è considerato un programma di controllo della versione , creato e sviluppato dalla società Linus Tolvar. Con l’intenzione di fornire un servizio efficiente e affidabile per eseguire attivamente la manutenzione e gestire diverse versioni delle applicazioni.

Come definire un commit e a cosa servono?

Prima di poter definire cosa sia realmente un commit, dovremo capire in che modo GIT apporta le sue modifiche. Poiché questi due elementi sono intrinsecamente correlati, l’uno consente l’esistenza dell’altro. Poiché GIT utilizza il suo indice per conoscere assolutamente tutti i dettagli delle modifiche apportate.

L’ indice è responsabile della registrazione e della memorizzazione dei dettagli delle modifiche apportate al progetto. È colui che sa che sono cambiati, che l’ha cambiato e quando è stato creato o cambiato. Ora, dopo aver aggiunto tutti gli aspetti che sono registrati nell’indice . Viene effettuata l’applicazione di un commit.

Comprendiamo che gli commit sono il modo o il modo in cui GIT mantiene il record dell’indice . Viene fatto in questo modo poiché ciascun impegno deriva da un impegno precedente. Consentire allo sviluppatore di utilizzare la stessa struttura senza danni.

Inoltre, questa procedura accelera il salvataggio e l’analisi di ogni modifica apportata al progetto. Perché Commit gestisce le risorse che verranno archiviate utilizzando SHA1 . Pertanto, se i file o gli elementi in cui viene eseguito un lavoro sono gli stessi o hanno lo stesso “hash”, non vengono analizzati.

Consentire a GIT di procedere semplicemente con quei file che, se sottoposti a una modifica, subiranno una modifica o dovranno essere analizzati. Aggiunto a tutto quanto già menzionato, e grazie agli Impegni derivati ​​da precedenti Impegni . Siamo in grado di creare o stabilire gerarchie che semplificano la ricerca dell’origine di una modifica.

Come usare Commits in GIT? 1

Differenziazione degli impegni e loro ordine o nome

Come accennato in precedenza, ogni commit ha un identificatore di hash in SHA1 . Ciò significa che individualmente, ogni commit è completamente unico e irripetibile . L’identificazione e la classificazione di questi sono estremamente semplici.

Nel caso in cui stiamo lavorando con diversi repository o archivi di informazioni. Se uno di questi è un commit che ha lo stesso hash di qualsiasi altro repository. Ciò significa che lo stesso commit si trova in entrambi i repository .

Possiamo anche fare riferimento a Commit come unità , sebbene contenga un gran numero di directory o file. Questo perché l’hash attribuito ad esso ti consente di ottenere un nome univoco. E sebbene ognuno di questi mantenga una relazione con il precedente, mantengono i propri elementi all’interno.

Ora, se c’è una difficoltà un po ‘strana quando si cerca un impegno specifico. E questo perché ogni commit ha un nome composto da 40 caratteri alfanumerici numerici . Fare qualcosa di complicato nelle comunicazioni tra gli sviluppatori quando provano a riferire su uno specifico impegno.

Dato questo problema, vengono utilizzati i nomi relativi , che sono concessi dai loro sviluppatori e non sostituiscono o modificano l’hash assegnato. Funziona come un tag di classificazione rapida molto più facile e facile da ricordare.

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento