Debloater, l’app per pulire le tue app mobili

I telefoni cellulari Android di solito provengono dalla fabbrica con applicazioni inutili. Queste app che non completano correttamente alcuna funzione e che servono solo a promuovere i servizi del produttore, sono note come bloatware . Fino a poco tempo fa, l’unico modo per liberare spazio sul cellulare rimuovendo le app di fabbrica era attraverso l’accesso root, ma ora esiste un’alternativa per tutti gli utenti Android.

Debloater, l'app per pulire le tue app mobili 1

Debloater è un’applicazione per computer Windows che funziona su telefoni Android con versione 4.4 o successiva. Se hai una versione di Android inferiore, l’unico modo per rimuovere il bloatware è dalle autorizzazioni dell’utente root. La cosa buona è che Debloater ha anche il supporto per i dispositivi rooted.

Come si usa Debloater?

Il primo passo è scaricare l’applicazione Debloatr e attivare la modalità debug sul dispositivo Android. Quando apriamo il programma vedremo un elenco con le applicazioni installate sul telefono. L’interfaccia è molto semplice, non ci sono troppe opzioni e le modifiche che applichiamo sono contrassegnate in rosso in modo da sapere quali sono gli elementi che modifichiamo.

Da Debloater è possibile bloccare le applicazioni già installate sul telefono o sbloccarle in modo che possano funzionare nuovamente. Sebbene l’applicazione sia molto semplice e facile da usare, è importante che non venga utilizzata senza alcune competenze informatiche di base, altrimenti potresti finire per bloccare app importanti senza accorgertene.

Debloater, l'app per pulire le tue app mobili 2

Google, il responsabile di Android , sa che c’è un problema con il bloatware. Sempre più produttori stanno sviluppando app totalmente inutili e finiscono per occupare spazio nella memoria mobile. Oggi molte app di Google non sono installate per impostazione predefinita, ma è l’utente stesso che deve scaricarle. Forse esiste la vera soluzione per i telefoni cellulari di funzionare più velocemente e meglio.

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento