Google Correlate; Che cos’è, a cosa serve e come funziona?

Google Correlate è uno strumento SEO che ci permetterà di farti vedere un po ‘di più su Internet , anche se in modo indiretto. Nell’era digitale, se non sei su Internet, potresti dire di non esistere . Pertanto, ci sono professionisti che sono responsabili, esclusivamente, di farti avere quella presenza digitale così necessaria, sia creando un sito Web, con i tuoi profili sui social media , inviando e-mail per conto della tua azienda, ecc.

Tutto ciò sarebbe parte di quella che è conosciuta come una strategia di marketing digitale e tra l’enorme quantità di risorse che attualmente dobbiamo lavorare su questa strategia, Google ci tiene molto a mente, proponendo tutti i tipi di strumenti e funzionalità come questa che possiamo vedere oggi.

Non perdere ciò che Google Correlate è ea cosa serve perché può aiutarti e molto altro ad essere visibile sul Web. Inoltre, ti diremo anche come funziona, così sarà leggere questo articolo e iniziare a utilizzare lo strumento!

Che cos’è Google Correlate, il generatore di idee per le parole chiave di Google e a cosa serve?

Google Correlate; Che cos'è, a cosa serve e come funziona? 1

Google ci dice che Google Correlate è uno strumento che possiamo trovare all’interno di Google Trends . Ciò servirebbe a trovare domande che le persone hanno fatto nel motore di ricerca di Google e che seguono un modello di evoluzione simile ai dati che inseriresti e che, sicuramente, saranno correlati alla tua attività, al tuo settore o al tuo nome.

Come indichi con il tuo nome, ciò che fa questo strumento è mostrare correlazioni tra i modelli dei concetti (ricerche) . Si inserisce una parola che ti interessa, si filtra un lasso di tempo, alla ricerca e concetti che hanno avuto si verificherà una simile evoluzione (in termini di ricerche) al concetto che avete scelto.

Consigliato per te:Come sapere qual è l’indirizzo IP del mio computer Windows, Linux o MacOS? Guida passo passo

Esiste un valore di correlazione che va da 0 a 1 , dove 0 indica che non esiste alcuna somiglianza e 1 è la massima somiglianza. Pertanto, i concetti da 0.9 saranno di evoluzione molto simile e sono quelli che ci interessano.

Troverai parole chiave simili a quella che inserisci, ma a volte c’è anche un pattinaggio che include parole che non hanno nulla a che fare con quello che stai cercando, semplicemente perché c’è un’ottima correlazione. Il tuo compito è scartare quelli che non riguardano la ricerca. Il riepilogo è che ti vengono dati i risultati con una correlazione con le parole chiave inserite .

Google Correlate; Che cos'è, a cosa serve e come funziona? 2

Oltre ai risultati, possiamo vederli nei grafici per sapere qual è stata la loro evoluzione nel periodo di tempo che hai stabilito per la ricerca. Maggiore è la somiglianza tra i grafici, maggiore è la correlazione dei concetti.

“AGGIORNATO ✅ Hai bisogno di trovare parole chiave e tendenze correlate per il tuo business online e non sai come farlo? ⭐ ENTRA QUI ⭐ e scopri come è fatto passo dopo passo con questo TUTORIAL ✅ FACILE e VELOCE ✅”

Ora, cosa ci interessa tutti, come utilizzarlo nella nostra strategia di marketing? A cosa serve?

  • Trova parole chiave: le correlazioni tra i temi correlati saranno grandi novità per studiare se potrebbero essere introdotte nella tua strategia. Dovremo indagare su di loro e vedere come gli utenti si comportano in relazione a loro in un modo più profondo ma, beh, almeno avrai molte idee.
  • Trova nicchie : se usi Google Trends e scopri le parole di tendenza, puoi inserirle in Google Correlate per lavorare su di esse e andare avanti durante la creazione di contenuti in grado di attrarre le stesse persone che erano attratte dalla tendenza che hai trovato.
  • Completa il nostro Acquirente personale: saprai, in larga misura, quali altri concetti le persone che cercano con parole chiave che gestisci cercano , quindi puoi dedurre che molte di queste correlazioni fanno parte del gusto o delle esigenze di quegli utenti , passando , una volta studiato, per introdurli nella tua strategia per aumentare la lealtà.
  • Attirare traffico: quanto sopra serve non solo a trattenere gli utenti che già ti visitano grazie alle tue parole principali, ma servirà anche ad attrarre coloro che non ti hanno trovato in precedenza con i tuoi kW ma che lavorano con alcune di quelle correlazioni che Hai trovato e deciso di includere,
  • Modifica il ciclo di acquisto: una delle funzionalità dello strumento, Shift Series, è molto interessante (lo vedremo più avanti) e serve a sapere cosa hanno cercato gli utenti prima di effettuare una ricerca più favorevole ad un acquisto . Cioè, scoprirai come si sono avvicinati, a poco a poco, facendo varie ricerche fino alla ricerca finale che si è conclusa con una conversione. Cerchi quei concetti precedenti che le persone introducono per raggiungere il tuo obiettivo finale e inizi a usarli .

Consigliato per te:Protocollo HTTP: che cos’è, a cosa serve e cosa significano le sue iniziali nel computer e nelle pagine Web?

Come utilizzare lo strumento correlato di Google per trovare parole chiave correlate? lezione

Vediamo come utilizzare questo prezioso strumento per il marketing digitale:

Operazione di base

Abbiamo già visto la base, che è molto semplice e che consiste nell’introduzione di un termine o concetto per trovare parole o concetti di comportamento simile nel motore di ricerca (correlazioni).

  • Basta introdurre il concetto in questione.
  • Premere · «Cerca correlazioni» .
  • Appariranno i primi 10 concetti che meglio si correlano. Puoi:
    • Verifica il grado di correlazione: il numero accanto è l’indicatore; Più vicino a 1, meglio è.
    • Visualizza altri risultati: fai clic sul pulsante “Mostra altro” sotto i risultati principali. Verranno distribuiti altri 10, ma con un indice inferiore rispetto alla correlazione.
    • Scopri di più su uno dei risultati: fai clic su quello di tuo interesse e vedrai come di seguito cambia il grafico esistente per mostrare il confronto tra il concetto che hai introdotto e la correlazione che hai scelto.

grafico

Google Correlate; Che cos'è, a cosa serve e come funziona? 3

Una volta effettuata una ricerca, sotto i risultati troverai un grafico che corrisponde a un confronto, nel tempo, del concetto che hai introdotto e il primo dei risultati , che è quello con la migliore correlazione. Abbiamo già visto che facendo clic sul risultato di nostro interesse il grafico cambia per effettuare il confronto corrispondente.

Ora, con il grafico di nostro interesse, possiamo ottenere determinate informazioni. Il primo:

  • Per impostazione predefinita troviamo un grafico a linee , un grafico con due linee, una per ciascun colore, corrispondente alla traiettoria di entrambi i concetti nel tempo. Se preferisci, puoi fare clic su “Grafico a dispersione (sopra di esso, a destra) per ottenere un diagramma a dispersione .
  • A seconda dei risultati del grafico, è possibile selezionare una parte di esso (trascinando il mouse su di esso) per mostrare quei risultati specifici in dettaglio , che corrispondono a una data molto più specifica. Quello che fai è fondamentalmente uno zoom di quel periodo per conoscerlo in modo più dettagliato.
  • Se, per qualsiasi motivo, sei interessato ad avere nuovi risultati solo da questa data (è molto utile sapere cos’altro cercava l’utente contemporaneamente), fai clic sull’opzione “Fai clic per cercare solo in questa sezione” (appena sopra l’immagine dello zoom).
  • Vedrai che la pagina si ricarica con i nuovi risultati generati che includono, in effetti, le correlazioni con la tua parola chiave, ma solo durante il periodo di tempo che hai scelto.
  • Puoi ripetere il processo scegliendo il termine di tuo interesse, guardando e interpretando il grafico e, se lo desideri, tornando a cercare la ricerca in un periodo di tempo più breve.

Consigliato per te:Come scaricare video Facebook gratuiti su qualsiasi dispositivo? Guida passo passo

Serie di turni

Questa è un’opzione che arriva in 0 (zero) per impostazione predefinita ma che possiamo modificare per scoprire quali utenti hanno cercato X settimane prima di fare la ricerca che abbiamo inserito . In questo modo, possiamo indovinare come l’utente ha agito nel tempo per raggiungere quella ricerca finale, che è ciò che inseriamo.

  • Fare clic su “Confronta serie storiche settimanali” .
  • Puoi scegliere il numero di settimane di tuo gradimento per vedere quali utenti hanno cercato tutte quelle settimane fa, mostrando sempre i dati con una migliore correlazione.
  • Non dimenticare di scegliere il tuo paese per mostrare i risultati delle ricerche effettuate su di esso, perché per impostazione predefinita troviamo sempre gli Stati Uniti.

Puoi fare esattamente lo stesso con mesi anziché settimane con l’opzione ” Confronta serie storiche mensili” . L’operazione generale e la grafica sono identiche ma hanno circondato le date in quel numero di settimane o mesi.

Esporta i risultati

Come di solito fa Google con i suoi strumenti , Google Correlate ci consente anche di esportare i risultati di queste ricerche che abbiamo fatto,

  1. Per fare questo devi solo premere, quando abbiamo i risultati di nostro interesse, su “Esporta dati come CSV” . Un documento .csv viene automaticamente scaricato da noi.
  2. Fai clic sul documento scaricato nella barra di download del browser o vai alla cartella di download e aprilo con un doppio clic.
  3. Apparirà una finestra per configurare gli aspetti dell’importazione , come lingua, opzioni di separazione, campi e altro. Questo è qualcosa che è lasciato ai gusti di tutti quando si interpretano i fogli di calcolo.
  4. Una volta completata la configurazione, premere «Accetta» .
  5. Hai già il foglio di calcolo con i risultati perfettamente dettagliati fino ad oggi.

In caso di domande, lasciarle nei commenti, ti risponderemo al più presto e sarà sicuramente di grande aiuto per più membri della community. Grazie!

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento