Le migliori app per password per bloccare le applicazioni

Uno dei tasti del sistema operativo Android ha a che fare direttamente con il fatto che siamo in grado di installare un’enorme quantità di applicazioni e, con esso, godere di tutti i tipi di usi e personalizzazioni per il nostro smartphone allo stesso tempo, anche se ovviamente non vogliamo tutti accedervi. La verità è che se per qualche motivo presti il ​​tuo dispositivo mobile a qualcuno, dovrai bloccare alcune app in modo che nessun altro le veda, ed è proprio quello che vogliamo mostrarti questa volta.

Molti utenti ci hanno consultato di recente, infatti, se è possibile inserire una password per le applicazioni ed essere in grado di bloccare un’applicazione in modo che nessun altro abbia accesso ad essa , cosa che è completamente facile da fare se si dispone delle app necessarie. La verità è che in questi casi avrai sempre bisogno di una particolare applicazione, e sebbene sia vero che ce ne sono molti, vogliamo raccomandarne uno in particolare come AppLock.

Le migliori app per password per bloccare le applicazioni 1

AppLock, tra le migliori app per password

La prima cosa che devi sapere a questo proposito, poiché è la cosa di base da considerare al riguardo, è che AppLock è un’app per mettere le password alle applicazioni, una che ti permetterà di accedere a un ambiente molto più sicuro anche quando in certi momenti presti il ​​tuo dispositivo a qualcun altro. L’idea è quella di tutte le persone intorno a te, nessun altro ha accesso alle informazioni che hai sul tuo dispositivo mobile. Quello che dovresti fare quindi è inserire una password per quelle app usando AppLock .

La prima cosa che devi fare è andare sul Google Play Store che fa parte di tutti i dispositivi mobili Android e scaricare l’applicazione AppLock da questo link . Grazie a questo puoi aggiungere una password o aggiungere una e-mail per accedervi. Quando si dispone del proprio account del profilo AppLock, è possibile determinare se accedere a ciascuna delle applicazioni nel modo più rapido e semplice, in modo che nessuno possa vedere di nuovo il contenuto se non lo si desidera.

È anche possibile che in determinate ore del giorno provi a bloccare alcune applicazioni che in seguito non ti danno fastidio che continuano a funzionare in vista di tutti, ed è per questo che AppLock ti offre la possibilità di configurare diversi profili nel modo più semplice e il più velocemente possibile Devi sapere, nello stesso modo in cui tutti gli elementi di questa app possono personalizzarti al massimo, quindi dedicando solo pochi minuti, avrai esattamente l’esperienza di sicurezza che stai sicuramente cercando .

Se vuoi sapere quali app puoi bloccare grazie ad AppLock, devi tener conto in particolare di alcune tra le quali possiamo menzionare quelle di e-mail, social network come Facebook o Twitter, oltre a WhatsApp, che è il principale messenger in tutto il mondo. Puoi anche bloccare l’accesso all’elenco dei contatti che hai programmato nel tuo terminale e, in sostanza, accedere a quasi tutti i contenuti che fanno parte del tuo smartphone , con l’enorme vantaggio che ciò comporta.

AppLock non solo svolge le funzioni di cui sopra, ma allo stesso modo puoi anche limitare l’accesso a fotografie, video o file, quindi come puoi vedere è un’app molto più completa di altre che fanno parte dello stesso segmento. Dovete sapere che si può anche determinare l’accesso che ti piace, poiché non v’è non solo la possibilità di impostare una password, ma anche limitare l’accesso a l’ uso di  un segno di sblocco,  PIN o di impronte digitali, ecc .

All’interno di questa applicazione Lock (AppLock), che ti permetterà quindi di bloccare tutte le tue applicazioni, devi sapere che hai anche un’altra funzione chiamata “Chameleon Mode” , che ti permetterà di usare più sfondi dello schermo che sono effettivamente falsi. Sembrano in modo che tutti i tuoi esseri vicini non abbiano la possibilità di accedere a quei contenuti, quindi è anche un trucco da altri interessante in questi casi.

Hai già scaricato e installato AppLock sul tuo smartphone?

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento