Quali e quante versioni del sistema operativo Ubuntu ci sono ad oggi? Elenco 2019

Un software open source consente a molti utenti di commentare e correggere errori relativi alla sua programmazione o sviluppo. In questo modo si ottiene un programma molto robusto , con il quale tutti i partecipanti hanno lo stesso vantaggio, sia i programmatori che gli utenti comuni.

Ubuntu soddisfa queste caratteristiche, poiché è un sistema operativo open source orientato ai server e anche a diversi dispositivi elettronici.

Grazie a questo programma, oggi possiamo avere diverse applicazioni che utilizziamo quotidianamente sul nostro dispositivo mobile , tra molti altri esempi. In questo post ti mostreremo qual era l’origine di Ubuntu e anche ciascuna delle versioni e modifiche che stava avendo nel tempo.

Cosa ha differenziato la prima versione di Ubuntu dalla sua concorrenza del tempo?

Quali e quante versioni del sistema operativo Ubuntu ci sono ad oggi? Elenco 2019 1

Ubuntu è un sistema operativo open source che ha la sua struttura basata sulla chiamata Debian. È rivolto a PC e server.

Non solo è un sistema open source, è anche gratuito e utilizza diversi sviluppatori, che appartengono alla comunità, per migliorare permanentemente ogni aspetto del sistema operativo.

Una delle caratteristiche più importanti è che ha diversi rami o divisioni in base al suo orientamento, il sistema progettato per i server si chiama Ubuntu Server o il sistema operativo per le aziende, si chiama Ubuntu Business Desktop Remix .

Canonical è la società responsabile del mantenimento del formato Ubuntu e ogni 6 mesi viene lanciata una nuova versione che, nei prossimi nove mesi, possono essere fatti diversi bucks per migliorare ciascuno degli errori riscontrati. Questi remaster sono gli aggiornamenti dei diversi software che integrano il sistema operativo.

Consigliato per te:Come collegare il controller PS3 al PC per giocare sul computer? Guida passo passo

Inoltre, ogni due anni pubblica le versioni “Long Term Support” (LTS) , che ricevono supporto da diversi designer per creare patch per 5 anni.

fonte

Ubuntu è di proprietà della società canonica gestita e creata dall’uomo d’affari sudafricano Mark Shuttleworth , che ha sempre chiarito che la concorrenza di Ubuntu è Windows, ma l’obiettivo è diventare come MacOS .

Il sistema operativo ha iniziato a essere creato come un progetto per essere in grado di facilitare la distribuzione e l’uso della struttura Debian, in questo modo ha iniziato a correggere diversi errori che esistevano architetture di Intel, AMD e AMR .

La sua prima versione è stata rilasciata nell’ottobre 2004, dove il firewall e il software del driver proprietario avevano la differenza di non essere open source come il resto del programma, essendo questa la principale differenza tra i sistemi operativi dell’epoca, che erano chiusi .

Attraverso il passare del tempo, la società ha scoperto che con questa versione e le versioni successive, il pacchetto di installazione e tutte le applicazioni erano molto frammentati e complessi, generando complicazioni per tutti gli utenti del momento.

Ecco perché, solo nel 2009 è stato creato Ubuntu Software Center per poter cercare, installare e disinstallare le diverse applicazioni disponibili in quelle. Inoltre, con questo software Ubuntu Center, è possibile inserire diverse patch create da terze parti.

In questo modo viene risolto un grosso problema per tutti, tutti i problemi con le loro possibili soluzioni sono in un unico posto. Offre inoltre la possibilità di creare assistenza.

evoluzione

Quali e quante versioni del sistema operativo Ubuntu ci sono ad oggi? Elenco 2019 2

Canonical ha iniziato a lavorare con open source per Linux per quei processori ARM. Ciò è accaduto dalla dichiarazione della società del 3 giugno 2010. In questo modo è possibile generare una versione molto più stabile per i processori di questo tipo di tecnologia.

Già nel 2011, le applicazioni create in “qt” iniziano a essere incluse , che include un’interfaccia utente grafica per consentire lo sviluppo di programmi con questo framwork multipiattaforma. In questo modo è possibile integrare Ubuntu con tutti gli strumenti della tecnologia qt .

Consigliato per te:Quali sono i migliori programmi e applicazioni per visualizzare le foto su Windows? Elenco [anno]

Il server grafico Mir ha iniziato a essere utilizzato dal 2013, che includeva un’interfaccia molto più piacevole per l’utente, quindi l’integrazione e l’espansione a diversi dispositivi, come televisori e telefoni cellulari, oltre ai PC .

All’inizio del 2014 viene lanciato “Ubuntu per telefoni” , che utilizza l’interfaccia Unity sviluppata con un linguaggio basato su QML JavaScript. Tramite questa interfaccia, è possibile eseguire diverse azioni attraverso lo schermo tramite i comandi touch mobili.

Tra le diverse caratteristiche di questo cambiamento, possiamo citare l’interfaccia che propone molteplici attività potendo utilizzare due applicazioni contemporaneamente, annunciando così anche l’integrazione di Ubuntu per tablet .

Nel 2013, Ubuntu Edge è stato creato con l’intenzione di raccogliere fondi per essere in grado di sviluppare una base e utilizzare Ubuntu nel modo migliore per il telefono, consentendo così di utilizzare un’interfaccia desktop che può essere connessa a un dispositivo mobile e Fornire un doppio avvio per poter utilizzare il sistema operativo Android .

Le caratteristiche hardware che si propone di utilizzare in quel momento sono Dual Core o più, con 128 GB per l’archiviazione, una RAM da 4 GB, uno schermo che ha una risoluzione importante ed è realizzato in vetro zaffiro. Inoltre, l’inclusione di una batteria anodica al silicio con due antenne di comunicazione wireless LTE e WiFi a 2 bande.

In questo modo è stato possibile creare la maggior parte del sistema operativo che conosciamo oggi . Successivamente, sono state apportate modifiche all’interfaccia e diversi remaster.

Cronologia completa di tutte le versioni esistenti di Ubuntu e delle sue funzionalità

Quali e quante versioni del sistema operativo Ubuntu ci sono ad oggi? Elenco 2019 3

“AGGIORNATO ✅ Devi sapere quali e quante versioni di Ubuntu esistono finora? ⭐ ENTRA QUI ⭐ e conoscerle tutte ✅ FACILE e VELOCE ✅”

Come abbiamo detto nei paragrafi precedenti, Canonical lancia una versione ogni due anni con supporto a lungo termine , il che significa che vengono confrontati con diversi aggiornamenti di sicurezza per un tempo molto più lungo rispetto ai soliti 9 mesi concessi dalla società a Altre estensioni

Consigliato per te:Come aumentare la RAM del telefono o tablet Android? Guida passo passo

Ubuntu versione 6.06

È la prima versione con LTS che include una correzione di bug per il desktop e un miglioramento sul server in termini di sicurezza ed errori generali.

Versione 8.04

Grazie a questa rimasterizzazione, alcuni errori nella manutenzione del sistema operativo potrebbero essere corretti.

Ubuntu v10.04

Corregge diversi software del sistema operativo e genera un processo dinamico in modo che i codici possano essere corretti quasi automaticamente . Mostra diverse sezioni orientate a un utente medio.

12.04, la quarta versione di Ubuntu

Con questo nuovo LTS, lanciato nell’aprile 2012, sono inclusi miglioramenti per l’adattamento a diverse schede video multi-universo .

Versione 13.10

Questo è un grande anno per Canonical, poiché nel 2013 Ubuntu è stato lanciato per i telefoni e anche per i nuovi sistemi ARM. In questo modo ciascuno dei diversi dispositivi è integrato con il sistema operativo.

Ubuntu LTS 14.04

Questa versione apporta importanti cambiamenti nelle diverse icone delle applicazioni, oltre a mostrare un design on e off molto più moderno.

Ti consente di eliminare il selettore dell’area di lavoro del launcher, ma offre la possibilità di includerlo con un’icona che può essere collegata al desktop.

Versione di Ubuntu 16.04

Ubuntu Software Center viene rimosso da GNOME , che si chiama ” Software GNOME” . Il calendario è incluso per impostazione predefinita e mostra miglioramenti nella possibilità di disegnare cursori e migliora anche l’integrazione dei diversi file.

Yakkety Yak, Ubuntu versione 16.10

Nel 2016 viene effettuata la versione di questa versione, che comporta importanti miglioramenti nel kernel, nonché modifiche al desktop Unity. Altri miglioramenti annunciati per questa versione sono stati il ​​supporto dell’overclocking per la grafica AMD , per Nouveau e per Raspberry Pi 3 .

Viene inoltre annunciato che il desktop Unity verrà sostituito nella prossima versione .

Consigliato per te:Come unire più tracce audio o brani in uno? Le migliori app per Android e iOS

V17.04 chiamato Zesty Zapus

Diverse patch vengono create su Mesa e nel cuore del sistema operativo. Unity e Mir sono usati per l’ultima volta, quindi inizierai a usare GNOME e Wayland rispettivamente . È stato rilasciato il 13 aprile 2017.

Versione di Ubuntu 17.10

Il nome di questa versione è Skillful Pig Hormiguero o nella lingua originale Artful Aardvark . Questo nuovo LTS apporta modifiche a diversi supporti del sistema operativo ed è anche la prima volta che GNOME e Wayland sono stati riutilizzati.

Bionic Beaver Ubuntu 18.04

È stato rilasciato nell’aprile 2018. Sebbene sia vero che mantiene il tema Ambiance poiché non poteva essere modificato perché non aveva abbastanza tempo per raggiungere il rilascio di questa versione.

Include altri miglioramenti come il colore delle emoji, l’ installazione predefinita dell’app To-Do . Xorg diventa il server grafico predefinito e cgroup v2 è incorporato per la crittografia della memoria AMD.

Versione di Ubuntu 18.10

Possiamo trovare in questa nuova versione di Ubuntu, chiamata Cosmic Cuttlefish , l’aggiornamento del kernel nella sua versione 4.18 e anche di Open SSL 1.1.1.

Come notizia eccezionale, possiamo menzionare che non include l’aggiornamento per i386 perché la società ha deciso di non sviluppare più questo prodotto per processori a 32 bit.

Dingo disk versione 19.04

Con questa versione di Ubuntu rilasciata nell’aprile 2019, possiamo trovare miglioramenti nel kernel 5.0 di Linux, che aggiunge più tecnologia in termini di sincronizzazione dello schermo di FreeSync, migliora l’algoritmo Adiantum e offre nuovi componenti che miglioreranno la porta USB 3.2 e USB tipo C.

In caso di domande, lasciarle nei commenti, ti risponderemo al più presto e sarà sicuramente di grande aiuto per più membri della community. Grazie!

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento